La Chiesetta del Passo Rolle

La Chiesetta del Rolle


La storia della chiesetta di Passo Rolle è imperniata su Giovanni Segat albergatore a Rolle, tenace ideatore dell’opera e costruttore della stessa. Tutto ebbe inizio nel mese di luglio del 1939.

Segat, desideroso che a Passo Rolle sorgesse una piccola chiesa, ne disegnò il progetto ed avviò la prassi per il permesso di costruzione e per la raccolta di denaro.

È scritto in una nota inviata al Comune di Primiero in data 1 luglio 1939:
“Preghiera, per ottenere e poter collocare negli esercizi di Passo Rolle e in qualche d’uno a S. Martino di Castrozza, previo benevole consenso degli albergatori, cassettine per l’obolo della costruenda chiesetta di Passo Rolle, nonché di poter spedire prospettini a enti e persone note pregando per qualche offerta. Con devoto ossequio, Giovanni Segat.”

 

La Curia principesco arcivescovile tridentina rivolgendosi al Priore di S. Martino di Castrozza scriveva da Trento in data 14 agosto 1939:
“Si conviene che l’idea di erigere una chiesetta a Passo Rolle per i bisogni spirituali di quella popolazione stabile o occasionale è una buona idea, e questa Curia in linea generale la approva (…)”

La stessa Curia tridentina scriveva al Priore in data 31 agosto 1939:
“Rilevato che la Chiesetta a Passo Rolle è già in costruzione, e che l’edificio costituisce un’accrescimento del patrimonio priorale, si autorizza la R.V. a contribuire materialmente alla sua erezione coll’offerta di L.3000 -tremila- dal fondo patrimoniale del priorato.”

La ‘Chiesa filiale romano cattolica Passo Rolle’ fu benedetta ed aperta al culto da mons. Oreste Rauzi il 15 agosto 1942.

Una piccola lapide sopra il portale in fondo alla chiesa porta inciso:
“Progettista e costruttore Giovanni Segat, 1942”.

© Alfredo Paluselli

 

Commenti Facebook
Riflessi nelle Dolomiti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *